Vai al contenuto

Carrello

Il tuo carrello è vuoto

Tiziano

Tiziano

Autoritratto di Tiziano Vecellio.
DATI DELL' ARTISTA
Nome di nascita: Tiziano Vecelli (o Vecellio).
Nome artistico: Tiziano.
Nazionalità: Italia
Anno di nascita: Verso il 1490, Pieve di Cadore, Veneto, Italia.
Anno di morte: 1576, Venezia.
Periodo: Alto Rinascimento italiano
Stili: Rinascimentale, Manierismo, Scuola veneziana

Conosciuto per la sua pennellata decisa, energica e molto espressiva, il pittore rinascimentale Tiziano Vecellio, noto anche come "Tiziano", è stato il membro più illustre della scuola veneziana. Eccelleva nelle composizioni asimmetriche e senza gerarchia. Molti dei fondamenti del suo stile furono scolpiti dalle idee del grande maestro Giovanni Bellini, che dopo la sua morte, Tiziano ha evoluto e continuato a modernizzare per tutta la vita.


Quadri di Tiziano

Ci sono molti casi nella storia, dove i pittori vengono riconosciuti postumi, Tiziano non è uno di questi, anzi, è stato qualificato dai suoi colleghi come un grande maestro. Polivalente nella sua perizia per diversi generi e temi: ritratto, paesaggio, pala d'altare, pittura storica, scene bibliche, allegoria, mitologia, naturalismo, ecc.

Per acquistare accedi al negozio nella sezione quadri ad olio di Tiziano.



  • "Allegoria della Prudenza"
    Autore: Tiziano
    Anno: circa 1570
    Si trova in: The National Gallery, Londra
    Stile: Rinascimento
    Titolo originale: Allegoria della Prudenza
    Titolo (inglese): Allegory of Prudence
    Tipo: Quadro
    Tecnica: Olio
    Supporto: Tela

    Opera concettuale piena di simbolismo, dove l'autore vuole manifestare la sua idea sulle età dell'uomo e le loro caratteristiche.

    Non esiste un'interpretazione ufficiale né unica tra gli esperti, ma tutti concordano sul fatto che esalta la figura dell'uomo nel suo punto di maturità, poiché dei tre rappresentati è l'unico che guarda al presente e possiede la virtù della prudenza.

    Tecnicamente, questa allegoria è un ritratto di 3 persone più 3 animali, con figure e illuminazione realistiche.

    Nella parte superiore si leggono tre frasi:
    "EX PRAETERITO", "PRAESENS PRUDENTER AGIT" e "NE FUTURA ACTIONẼ DETURPET".

    Che significano rispettivamente:
    "Dal passato", "Prudenza nel presente" e "Non rovinare gli atti futuri".


  • "Amor sacro e amor profano"
    Autore: Tiziano
    Anno: circa 1514
    Si trova in: Galleria Borghese, Roma.
    Stile: Manierismo
    Titolo originale: Amor sacro e Amor profano
    Tipo: Quadro
    Tecnica: Olio
    Supporto: Tela

    Composizione a tema mitologico, oggetto di numerose interpretazioni, spesso contraddittorie. Gli elementi simbolici inclusi sono: fontana scolpita (al centro), 2 lepri, Cupido (figura infantile centrale), costruzione fortificata (a sinistra), chiesa (a destra).


  • "Assunta"
    Autore: Tiziano
    Anno: circa 1518
    Si trova in: Basilica di Santa Maria dei Frari, Venezia.
    Stile: Rinascimento
    Genere: Allegoria
    Titolo originale: Assunta
    Tipo: Quadro
    Tecnica: Olio
    Supporto: Tavola di legno

    Si tratta del più grande olio presente e passato nella città di Venezia fino ad oggi, rimane nello stesso luogo originale, dove è stato dipinto. Quest'opera ha in gran parte contribuito a lanciare la fama di Tiziano nella zona, sebbene non senza polemica, poiché molti vicini alla congregazione avevano seri dubbi sulla qualità del dipinto.

    Altare allegorico che mostra l'assunzione della Vergine Maria, cioè il momento in cui fu portata da Dio in cielo, in carne ed ossa, come descritto dalla tradizione cristiana. È considerata un'opera modello dello stile rinascimentale italiano.

    Nel livello inferiore gli apostoli simboleggiano coloro che ancora vivono nel mondo e chiedono al cielo l'intercessione di Lei. La figura centrale della Vergine, camminando sulle nuvole, appare totalmente circondata da angelini e cherubini. Nella parte superiore appare Dio Padre, illuminato e guardando verso il basso, accanto a due angeli.


  • "Bacco e Arianna"
    Autore: Tiziano
    Anno: circa 1520
    Si trova in: The National Gallery, Londra
    Stile: Manierismo
    Tema: Mitologia greca
    Titolo originale: Bacco e Arianna
    Titolo (inglese): Bacchus and Ariadne
    Tipo: Quadro
    Tecnica: Olio
    Supporto: Tela

    Questo quadro a tema mitologico fu uno dei commissionati originariamente dal duca Alfonso I d'Este a Raffaello Sanzio, che morì dopo averlo appena iniziato. Lo scopo dell'opera era decorare una stanza in una delle residenze del Duca.

    Descrive un episodio letterario, dove il dio Bacco (o Dioniso), scende dal carro per attrarre la bella figlia di re Ariadna.

    Qui Tiziano dimostra la sua superlativa perizia come anatomista, disegnando le più eterogenee creature, umane, semiumane e animali.


  • "Danae"
    Autore: Tiziano
    Anno: 1565
    Si trova in: Museo del Prado
    Stile: Manierismo
    Titolo originale: Danae
    Tipo: Quadro
    Tecnica: Olio
    Supporto: Tela

    Si tratta di un ritratto di Danae, il personaggio della mitologia greca, in una scena ampiamente trattata dall'artista, nel corso della sua carriera.

    Questa copia in particolare fu acquistata dallo stesso Diego Velázquez che era un pubblico ammiratore di Tiziano e lo considerava uno dei suoi principali riferimenti pittorici.


  • "Davide e Golia"
    Autore: Tiziano
    Anno: circa 1542
    Si trova in: Basilica di Santa Maria della Salute, Venezia.
    Stile: Manierismo
    Titolo originale: Davide e Golia
    Tipo: Quadro
    Tecnica: Olio
    Supporto: Tela

    Questa è una delle tre opere che Tiziano dipinse per essere installate sul soffitto della basilica. Le altre due rappresentano "Caino e Abele" e "Il sacrificio di Isacco".

    In un incendio nel 2010, ha subito danni a causa dell'acqua versata nelle operazioni di spegnimento, ma è stato quasi completamente recuperato.

    Il punto di vista della scena è dal basso, dando maggiore importanza al cielo e al raggio di luce che appare tra le nuvole. L'iconografia utilizzata è molto insolita in questa scena biblica, poiché si vede Davide pregare il cielo dopo aver sconfitto il gigante.


  • "Noli me tangere"
    Autore: Tiziano
    Anno: circa 1514
    Periodo: Alto Rinascimento
    Titolo in inglese: Christ and Mary Magdalene (Noli me tangere)
    Tipo: Quadro
    Tecnica: Olio
    Supporto: Tela

    Appartiene al periodo più precoce dell'artista, fortemente influenzato dalla più pura scuola veneziana. Mostra il passaggio biblico spesso dipinto, dove Maria Maddalena cerca di aggrapparsi al Signore dopo averlo visto risorto, a cui lui dice:
    "Non toccarmi, poiché non sono ancora salito al Padre. Vai e annuncia ai miei fratelli..."


  • "Maddalena penitente"
    Autore: Tiziano
    Anno: circa 1560
    Si trova in: Museo J. Paul Getty, California.
    Stile: Alto Rinascimento
    Titolo in inglese: La Maddalena Penitente
    Tipo: Quadro
    Tecnica: Olio
    Supporto: Tela

    Questa è una delle almeno 7 versioni molto simili in cui Tiziano ritrasse lo stesso personaggio biblico. Durante il periodo della Controriforma, in cui la Chiesa Cattolica sperimentava uno dei suoi maggiori scismi dopo l'apparizione del protestantesimo. Con immagini come questa si voleva esaltare le origini e le tradizioni del cattolicesimo.

    Questa versione in particolare, è stata utilizzata dall'artista come modello per le altre, studi con raggi X hanno rivelato la grande quantità di cambiamenti che ha, indicando che è stata conservata e ritoccata nel corso di diversi anni.


  • "Pietà"
    Autore: Tiziano
    Anno: circa 1575
    Si trova in: Galleria dell'Accademia di Venezia.
    Stile: Rinascimento
    Titolo originale: Pietà
    Tipo: Quadro
    Tecnica: Olio
    Supporto: Tela

    Si tratta dell'ultima pittura conosciuta realizzata da Tiziano, terminata dopo la sua morte dal suo discepolo soprannominato Palma il Giovane.

    Mostra una scena immaginaria di 5 personaggi biblici in un contesto architettonico di stile romano. I personaggi descrivono un perfetto triangolo di Kepler, ascendendo da sinistra a destra: Mosè, Maria Maddalena, la Vergine Maria, Gesù e Nicodemo.


  • "San Giovanni Evangelista a Patmos"
    Autore: Tiziano
    Anno: circa 1547
    Si trova in: National Gallery of Art (NGA), Washington, Stati Uniti.
    Stile: Alto Rinascimento
    Titolo (inglese): San Giovanni Evangelista a Patmos
    Tipo: Quadro
    Tecnica: Olio
    Supporto: Tela

    Opera di grande dimensione da essere esposta in alto, si distingue per la sua pennellata decisa sulle figure e sfumata sullo sfondo, caratteristiche dell'artista.


  • "Venere allo specchio"
    Autore: Tiziano
    Anno: 1555
    Si trova in: National Gallery of Art (NGA), Washington, Stati Uniti.
    Stile: Alto Rinascimento
    Titolo originale: Venere allo specchio
    Titolo (inglese): Venus with a Mirror
    Tipo: Quadro
    Tecnica: Olio
    Supporto: Tela

    L'artista ha realizzato questo motivo diverse volte nel corso della sua carriera, considerando questa versione come la più completa. Mostra una scena della mitologia romana, dove la dea Venere (dell'amore e della bellezza) si ammira in un ambiente palaziale, assistita da un paio di angeli, uno dei quali le sta mettendo una corona, mentre l'altro tiene lo specchio.


  • "Venere di Urbino"
    Autore: Tiziano
    Anno: 1538
    Si trova in: Galleria degli Uffizi, Firenze.
    Stile: Manierismo
    Conosciuta anche come: Venere del cagnolino
    Titolo originale: Venere di Urbino
    Titolo (inglese): Venere di Urbino
    Tipo: Quadro
    Tecnica: Olio
    Supporto: Tela

    Questa opera oscilla tra realtà e mitologia. Contrariamente a quanto suggerisce il titolo, la protagonista è in realtà una persona in carne ed ossa, come simboleggia il cane acciambellato ai suoi piedi. Sullo sfondo si vedono due cameriere in un ambiente al limite dell'idilliaco.

Vuoi una riproduzione ad olio di Tiziano nella tua casa?
Acquistala nella sezione di quadri ad olio di Tiziano

Pittori famosi correlati:


↑Torna in cima