Vai al contenuto

Carrello

Il tuo carrello è vuoto

Edvard Munch

Edvard Munch

Autoritratto ad olio di Durero.
Dati del pittore
Nome: Edvard Munch.
Anno di nascita: 1863, Hedmark, Norvegia.
Anno di morte: 1944, Oslo, Norvegia.
Stile: Espressionismo.

Pittore eccentrico e innovativo di origine norvegese. Durante la sua carriera ha cercato di esprimere i volti della psicologia umana, rappresentando "l'anima" con le sue stesse parole.

All'età di 18 anni ha abbandonato la carriera di ingegneria dove nel primo anno, aveva imparato i concetti di base del disegno tecnico. Allora il suo grande sogno era diventare un pittore a tempo pieno, fatto che ha scatenato ogni tipo di domanda nel suo ambiente familiare e sociale.

È considerato uno dei grandi dell'espressionismo e precursore del modernismo. Sebbene i suoi lavori non dimostrino una grande abilità tecnica, si muove come un pesce nell'acqua con il simbolismo e il concettuale.


Quadri di Munch

I dipinti e le incisioni di Edvard Munch seguono una linea tematica molto marcata, frequentemente legate alla depressione e a una visione estremamente negativa dell'esistenza. Nonostante ciò è considerato un genio, per la sua proposta estetica e la sua personalità. Per acquistare quadri ispirati a questo pittore visita: quadri di Munch a olio



  • "L'urlo"
    Autore: Edvard Munch
    Stile: Espressionismo
    Titolo originale (tedesco): Der Schrei der Natur
    In norvegese: Skrik
    Titolo (inglese): The Scream
    Tipo: Quadro
    Tecnica: Tempera, pastello e matite colorate.
    Supporto: Cartone
    Anno: 1893
    Si trova in: La Galleria Nazionale di Norvegia

    Nel corso della sua carriera ha dipinto almeno 4 versioni di questa stessa composizione, quella apparsa in questa immagine è una delle più diffuse. Il suo grande successo è dovuto in gran parte all'impatto che riesce a causare, tutta l'immagine trasuda con grande forza sensazioni di paura e imminente calamità.

    L'ispirazione di "Il grido" deriva da un'esperienza del tutto banale, in cui l'artista faceva una passeggiata, momento in cui si fermò e ebbe una sorta di visione, in cui sentì che la natura stessa gli trasmetteva la sua angoscia.


  • "La danza della vita"
    Autore: Edvard Munch
    Stile: Simbolismo e espressionismo
    Titolo originale (norvegese): Livets dans
    Titolo (inglese): The Dance of Life
    Tipo: Quadro
    Tecnica: Olio
    Supporto: Tela
    Anno: 1900
    Si trova in: Il Museo Nazionale di Arte, Architettura e Design (Oslo).

    Opera piena di simboli, dove l'autore viene a significare molteplici messaggi, che sono stati oggetto di estese interpretazioni da parte degli esperti.

    Le rappresentazioni più evidenti sono: la transizione dall'infanzia alla vecchiaia, mostrata dalle tre donne da sinistra a destra; la luna sopra i due giovani centrali manifesta il carattere passionale del quadro; La ragazza in bianco, che rappresenta l'innocenza, guarda al futuro (verso destra) con un'espressione speranzosa; la giovane di mezzo guarda al suo uomo ed è dedita alla reciproca devozione; e la più anziana di loro guarda al passato (verso sinistra) con un'espressione di amarezza.

    25 anni più tardi, l'artista dipinse lo stesso disegno, in una versione molto simile.


  • "Notte stellata"
    Autore: Edvard Munch
    Stile: Espressionismo
    Titolo (inglese): Notte Stellata
    Tipo: Quadro
    Tecnica: Olio
    Supporto: Tela
    Anno: 1893
    Si trova in: Museo J. Paul Getty, Los Angeles USA

    Mostra la vista dalla finestra, una notte d'estate, da un hotel nella piccola città costiera di Åsgårdstrand, Norvegia.

    Lontano dal tentativo di una visione realistica del paesaggio, l'intenzione dell'artista era trasmettere sentimenti di malinconia, e stabilire un contrasto tra luce e ombra, che viene accompagnato dalla stessa texture dell'opera. Pittura molto densa nell'ombra e tela praticamente nuda nella parte più luminosa.


  • "L’ansia"
    Autore: Edvard Munch
    Stile: Espressionismo
    Titolo originale (norvegese): Angst
    Titolo (inglese): Anxiety
    Tipo: Quadro
    Tecnica: Olio
    Supporto: Tela
    Anno: 1894

    In un ambiente molto simile a "Il grido", questa opera mostra 3 personaggi principali con il volto verdastro, proiettando sensazione di ansia, disagio e depressione.


  • "Autoritratto con sigaretta"
    Autore: Edvard Munch
    Genere: Ritratto
    Titolo originale: Selvportrett med sigarett
    Titolo (inglese): Autoritratto con Sigaretta Accesa
    Tipo: Quadro
    Tecnica: Olio
    Supporto: Tela
    Anno: 1895
    Si trova in: La Galleria Nazionale di Norvegia

    Si tratta di un ritratto di grande qualità, come pochi, lungo la sua carriera, dove si mostra fumando, e con metà del corpo inferiore sfumato dal fumo.

    L'espressione facciale è di contemplazione e smarrimento, come a sottolineare le parole che disse lo stesso: "Malattia e follia furono gli angeli neri che vegliarono sulla mia culla...".


  • "Autoritratto tra il letto e l'orologio"
    Autore: Edvard Munch
    Stile: Modernismo e simbolismo
    Titolo (inglese): Autoritratto. Tra l'orologio e il letto
    Tipo: Quadro
    Tecnica: Olio
    Supporto: Tela
    Anno: circa 1943

    Si tratta di uno dei principali dipinti di Munch, dove si ritrae se stesso in una chiara condizione di vecchiaia e solitudine

    Senza mostrare alcun sentimento. L'unica cosa che aspetta è la morte, che incombe su di lui simbolicamente, si trova tra l'orologio e il letto: il primo simbolo del poco tempo che gli rimane e il secondo simbolo della fine inevitabile.


  • "Ceneri"
    Autore: Edvard Munch
    Stile: Simbolismo europeo
    Conosciuto anche come: Ashes
    Tipo: Quadro
    Tecnica: Olio
    Supporto: Tela
    Anno: 1894
    Si trova in: La Galleria Nazionale di Norvegia

    Racconta una storia attraverso le immagini, dove il titolo "Ceneri" rappresenta ciò che resta tra gli amanti quando si spegne il fuoco della passione.

    La ragazza si porta le mani alla testa dopo aver avuto un incontro intimo con l'uomo che appare nell'angolo inferiore sinistro. L'ambiente del bosco rappresenta una relazione nascosta che non ha un luogo. Lei a metà vestita e con espressione di rimorso, lui nasconde il suo volto con un gesto che sembra vergogna.


  • "Ragazze sul ponte"
    Autore: Edvard Munch
    Stile: Espressionismo
    Conosciuto anche come: Girls on the Bridge
    Tipo: Dipinto
    Tecnica: Olio
    Supporto: Tela
    Anno: 1927

    L'artista era quasi ossessionato da questa scena, ha dipinto diverse versioni della stessa per più di 30 anni (la prima nel 1901). Questa è considerata una delle più importanti, l'artista ha fatto un parallelo con l'opera originale, dopo aver sperimentato cambiamenti nel paesaggio decine di volte.


  • "Il bacio"
    Autore: Edvard Munch
    Stile: Simbolismo
    Titolo (inglese): The Kiss
    Tipo: Dipinto
    Tecnica: Olio
    Supporto: Tela
    Anno: 1897

    Rappresenta un uomo e una donna che si baciano, abbracciati. L'artista usa la tecnica della pennellata libera con texture pesante, per trasmettere sensazione di movimento, non solo nelle figure, ma in tutto lo spazio pittorico. Si nota anche che gli amanti si trovano in una stanza con le tende chiuse, lasciando entrare un po' di luce della strada attraverso l'angolo scoperto della finestra. I colori utilizzati sono principalmente freddi: blu, verdi, neri e rossi scuri.


  • "Madonna"
    Autore: Edvard Munch
    Genere: Ritratto
    Tipo: Quadro
    Tecnica: Olio
    Supporto: Tela
    Anno: circa 1895
    Si trova in: La Galleria Nazionale di Norvegia

    Lo stesso design fu dipinto 5 volte ad olio e inciso una volta su lastra litografica, con la quale furono stampate altrettante litografie a colori. Una di queste ultime fu venduta all'asta per un valore di 1,25 milioni di sterline.

    I critici d'arte e gli esperti non concordano su un'unica interpretazione di questo motivo, tuttavia, concordano su alcune linee generali: il carattere sessuale, la prominenza della donna sull'uomo e il stretto legame tra amore e morte.


  • "Morte nella camera della malata"
    Autore: Edvard Munch
    Stile: Simbolismo
    Titolo (inglese): Death in the Sickroom
    Tipo: Quadro
    Tecnica: Tempera e pastelli a cera
    Supporto: Tela
    Anno: 1895

    Questa è una delle opere in cui l'artista combina più apertamente i temi della malattia e della morte. È frutto di un'esperienza personale dell'artista: la morte per tubercolosi di sua sorella; un evento che lo ha fortemente segnato e ha contribuito ai temi che ha sviluppato nel corso della sua carriera.

    Lui stesso è l'uomo che guarda verso la sedia, dove si trova la sorella già morta o in agonia.

    Su questo quadro lo stesso autore ha detto: "Nella stessa sedia dove ho dipinto la malata, io e tutti i miei parenti materni, ci siamo seduti inverno dopo inverno, desiderando l'arrivo del sole, fino a quando la morte li ha portati via. E tutti i miei parenti paterni hanno camminato da sinistra a destra con ansia..."


  • "Amore e dolore"
    Autore: Edvard Munch
    Stile: Modernismo
    Conosciuto anche come: Vampiro
    Titolo originale: Vampyr
    Titolo (inglese): Love and Pain
    Tipo: Quadro
    Tecnica: Olio
    Supporto: Tela
    Anno: circa 1895

    In tre anni ha realizzato 6 opere molto simili, delle quali questa è una delle ultime. Fu chiamata successivamente "Vampiro" perché sembra che la donna stia mordendo il collo del suo compagno, ma ciò non fa parte dell'idea originale dell'artista.

    Gli esperti concordano che il simbolo principale dell'olio è la sensualità femminile che si impone sulla realtà maschile, che in questo caso non è in grado altro che di sottomettersi ai desideri di lei.

Vuoi un quadro ad olio ispirato a questo pittore, nella tua casa?
Richiedilo nella sezione di quadri di Munch ad olio

Pittori famosi correlati:


↑Torna in cima