Vai al contenuto

Carrello

Il tuo carrello è vuoto

Salvador Dalí

Salvador Dalí

Salvador Dalí da giovane.
Dati dell'artista
Nome:  Salvador Felipe Jacinto Dalí i Domènech.
Nazionalità:  Spagna.
Anno di nascita:  1904, Spagna.
Anno di morte:  1989, Spagna.
Stile:  Surrealismo.

È uno dei più rinomati artisti della storia della Spagna, nato nel 1904 e morto a 85 anni nella sua città natale: Figueres (Catalogna). Salvador Dalí fu il pittore più eminente del movimento surrealista spagnolo. Dopo la sua morte, lasciò dietro di sé una vasta collezione di opere e un nuovo modo di comprendere l'estetica e l'arte.

Eccentrico come nessun altro, la sua immagine personale e le sue idee; tutto era tinto dalla sua sensibilità artistica.

Uno dei tratti distintivi di Dalí che più attirava l'attenzione era il contrasto generato da una personalità così particolare e l'enorme capacità di lavoro e di eccellenza tecnica che dimostrava costantemente.


Quadri di Dalí

La produzione pittorica di Dalí comprende circa 1.500 quadri, dei quali qui presentiamo i 12 più importanti. Per acquistare, accedi allo store nella sezione quadri di Dalí ad olio.



  • "La persistenza della memoria"

    Conosciuto anche come "Gli orologi morbidi". Dipinto nel 1931. È il quadro più rappresentativo dell'artista.

    Mostra un deserto con 4 orologi, di cui 3, schiacciati dall'effetto del tempo e del calore, a quanto pare.

    Il quarto orologio, di cui si vede solo il retro, non è deformato ma è attaccato dalle formiche. La simbologia dell'opera sembra complessa, anche se in realtà non lo è tanto. Spiega Dalí che si è ispirato al formaggio fuso, ed è stato praticamente un caso che fossero orologi, i protagonisti dell'opera. Attualmente si trova in esposizione permanente al Museo MoMA, New York.


  • "Sogno causato dal volo di un'ape intorno a una melagrana un attimo prima del risveglio"

    Opera ad olio su tavola di legno, dipinta nel 1944 da Salvador Dalí.

    È uno dei quadri più riconoscibili del pittore, in cui si trovano figure ricorrenti che l'artista avrebbe utilizzato per tutta la sua carriera: elefanti con gambe stilate, sua moglie Gala, un insetto e un paesaggio inerte.

    L'importanza dell'opera risiede nella creatività estrema che mostra, unita a una tecnica accademica immacolata. Attualmente si trova al Museo Thyssen-Bornemisza, Madrid.


  • "Cigni che riflettono elefanti"

    Olio su tela dipinto nel 1937, è uno dei quadri più notevoli, dove Dalí completa la sua composizione surrealista con un gioco visivo magistrale. In questo caso trasforma il riflesso di alberi e cigni su un lago, in elefanti perfettamente delineati.


  • "Gli Elefanti"

    Conosciuto anche con il suo titolo in inglese "The Elephants". Dipinto ad olio su tela, l'anno 1948. Questo quadro riprende le figure assolutamente affascinanti e oniriche che Dalí aveva creato 4 anni fa, ma questa volta sono i protagonisti dell'opera. L'originale si trova attualmente al MoMA, New York.


  • "La tentazione di Sant’Antonio"

    Questa è una delle opere più rappresentative del surrealismo spagnolo, è stata dipinta nel 1946, ad olio su tela, con dimensioni 90 x 120 cm.

    San Antonio Abate del III secolo, uno dei primi eremiti cristiani, è rappresentato nel deserto che combatte contro le tentazioni di fama, sesso, ricchezze e potere. Ognuna di esse montata sul dorso di un animale. Il Santo interpone la Croce tra sé e le tentazioni, come unica speranza di non essere sopraffatto.

    Attualmente si trova nel complesso Musei Reali di Belle Arti, Belgio.


  • "Metamorfosi di Narciso"

    Si ritiene che questo quadro fondi tre elementi che solo Dalí poteva unire: la Grecia classica, la psicoanalisi e la scienza.

    Dipinto nel 1937, l'artista presentò personalmente il quadro a Sigmund Freud, che rimase meravigliato di fronte a tale sfoggio di talento e simbolismo dell'opera.


  • "La disintegrazione della persistenza della memoria"

    Dipinto nel 1954, si tratta di un remake in risposta al quadro che lo stesso Dalí aveva dipinto più di 20 anni prima.

    Questa volta il deserto è pieno d'acqua e il mondo appare diviso tra ciò che è sopra e sotto la superficie. Quello che prima era una massa solida ora appare frammentato in blocchi allineati. Secondo gli esperti, la simbologia dell'opera include allusioni alla meccanica quantistica, all'autodistruzione della razza umana e alla bomba atomica.

    È esposto al Salvador Dalí Museum, Florida, Stati Uniti.


  • "Il torero allucinogeno"

    Pittura a olio su tela di 4 x 3 metri, dipinta nel 1970, conosciuta anche come "The Hallucinogenic Toreador".

    È una delle composizioni più eterogenee dell'artista, tra gli elementi presenti ci sono: sua moglie Gala, la dea Venere, i colori della bandiera spagnola, una plaza de toros, insetti, forme geometriche, un cane dalmata, il paesaggio di Cap de Creus (Catalogna). Tutto ciò combinato con giochi visivi e sperimentazione nell'olografia.


  • "Cristo di San Giovanni della Croce"

    Quadro surrealista di ispirazione religiosa, dipinto nel 1951.

    All'epoca in cui Dalí realizzò quest'opera era già un uomo molto vicino alla fede cattolica, tuttavia trovò diversi detrattori che non riuscirono a comprendere il carattere modernista e la prospettiva originale dell'opera.

    La figura centrale, è basata su un piccolo disegno che San Giovanni della Croce aveva realizzato nel XVI secolo.

    Si trova attualmente nel Museo Kelvingrove, Scozia.


  • "Giraffa in fiamme"

    Quadro ad olio su tavola, dipinto nel 1937 da Salvador Dalí.

    Si tratta di un motivo apocalittico, dove il pittore lascia vedere tutta una serie di facette psicologiche legate a: politica, guerra, la donna e l'uomo.

    Si trova attualmente nel Museo d'Arte di Basilea, Svizzera.


  • "Morbida costruzione con fagioli bolliti: premonizione di guerra civile"

    Composizione realizzata in olio, dipinta nell'anno 1936, 6 mesi prima dell'inizio della Guerra Civile Spagnola.

    È considerata un'opera premonitoria in questo senso, l'artista previde gli orrori della guerra che stava per iniziare.

    Attualmente si trova al Museo d'Arte di Filadelfia, USA.


  • "L'Ultima Cena"

    Scena biblica dipinta ad olio su tela nel 1955.

    Verso la fine della sua vita Dalí si avvicinò alla religione cattolica, da questo periodo provengono questa e altre pitture di scene ispirate al Nuovo Testamento.

Vuoi un quadro ad olio ispirato a questo pittore, a casa tua?
Acquistalo nella sezione quadri di Dalí ad olio.

Pittori famosi correlati:


↑Torna in cima