Vai al contenuto

Carrello

Il tuo carrello è vuoto

B. E. Murillo

Bartolomé Esteban Murillo

Autoritratto di B. E. Murillo.
DATI DEL PITTORE
Nome completo: Bartolomé Esteban Murillo.
Nascita: 1617, Siviglia, Spagna.
Morte: 1682, Siviglia.
Stile: Barocco, naturalismo

Murillo era un pittore di Siviglia, grande figura del barocco e maestro delle tecniche tenebriste, naturaliste e del chiaroscuro. Le informazioni biografiche disponibili su di lui non sono né abbondanti né molto precise, spesso vi sono contraddizioni tra gli storici, specialmente riguardo ai viaggi che fece in altre città europee; e per quanto riguarda le date, sia della sua biografia che delle sue opere.

Dati confermati su Murillo includono: che nacque a Siviglia nel secondo decennio del XVII secolo, in una famiglia benestante ma non particolarmente ricca, rimase orfano all'età di circa 9 anni e andò a vivere con sua sorella e suo cognato, restando in quella casa fino al giorno del suo matrimonio. 10 anni dopo divenne vedovo e non si risposò. Con sua moglie ebbe circa 9 figli, dei quali tra i 3 e i 5 morirono durante l'infanzia.

Non è chiaro se viaggiò fuori da Siviglia per formarsi come pittore, ciò che è certo è che Murillo non trascorse periodi molto lunghi della sua vita lontano dalla sua città natale, e fece viaggi sporadici a Madrid dove conobbe Velázquez. Gli esperti concordano sul fatto che si notano chiaramente elementi rinascimentali italiani nelle sue composizioni, ma questi possono essere spiegati dalla forte influenza che ebbero maestri come Zurbarán, che coltivò vari aspetti pittorici delle scuole italiane di Venezia e Bologna. © diCrox.


Quadri di Murillo

La pittura di Murillo fu fortemente modellata dalla fede cattolica che professava. Anche la sua orfanità, l'esperienza di perdere diversi figli, il periodo di magra e la peste che devastò la città alla fine del 1650, lo fecero sviluppare una grande sensibilità verso i diseredati e i più sofferenti nella società, diventando esperto in scene di genere con bambini poveri.

La sua abilità come pittore lo portò a ricevere commissioni dai più alti ranghi, le opere religiose furono senza dubbio il suo forte, essendo in grado di riflettere espressioni, sentimenti ed emozioni sui volti e sui corpi come nessun altro.

Questa è una rappresentazione rappresentativa dei generi, temi e stili che il pittore ha sviluppato durante la sua carriera, li puoi trovare in vendita nella sezione: quadri di Murillo ad olio



  • "Autoritratto"
    Autore: Bartolomé Esteban Murillo
    Anno: circa 1670
    Genere: Ritratto
    Stile: Naturalista
    Titolo (inglese): Self Portrait
    Tipo: Quadro
    Tecnica: Olio
    Supporto: Tela
    Si trova a: National Gallery, Londra

    L'iscrizione sotto il dipinto recita in latino: "Bartus Murillo seipsum depingens pro filiorum votis acprecibus explendis", che significa "...dipingersi da solo su richiesta dei suoi cari figli".

    Anche se l'aspetto del pittore è di un uomo relativamente giovane, si ritiene che l'opera sia stata dipinta quando l'artista aveva già superato i 50 anni, periodo in cui i suoi figli avevano già l'età sufficiente per essere orgogliosi del lavoro del padre.

    La composizione segue lo stesso schema delle incisioni delle copertine dei libri dell'epoca: il protagonista incorniciato in un ovale e sotto di lui gli strumenti e gli utensili del suo mestiere: matite e carta alla sua sinistra e una tavolozza con pennelli alla destra.


  • "Sante Justa e Rufina"
    Autore: Bartolomé Esteban Murillo
    Anno: 1666
    Genere: Pittura religiosa
    Stile: Barocco
    Tipo: Quadro
    Tecnica: Olio
    Supporto: Tela
    Si trova a: Museo de Bellas Artes di Siviglia

    Justa e Rufina sono due sante, figlie di un vasaio, nate nel III secolo, nell'attuale territorio di Siviglia che allora era governato dai romani. del III secolo, figlie di un vasaio e martiri.

    Nell'opera si vede Santa Justa a destra e Rufina, di 2 anni minore della prima, a sinistra. La tela mostra vasi di argilla sul pavimento in riferimento all'attività di famiglia. La torre del campanile di Siviglia, attuale Giralda della Cattedrale, perché a loro si attribuisce il miracolo di essere rimasta in piedi durante il terremoto del 1504. Inoltre, palme nelle mani di ciascuna, indicando la loro morte per martirio, che è avvenuta perché entrambe si rifiutarono di riconoscere gli dei romani.


  • "Giovane mendicante"
    Autore: Bartolomé Esteban Murillo
    Conosciuto anche come: Ragazzo che si pulisce
    Anno: circa 1650
    Stile: Barocco
    Genere: Costumbrismo
    Titolo (francese): Le Jeune Mendiant
    Tipo: Quadro
    Tecnica: Olio
    Supporto: Tela
    Si trova a: Museo del Louvre, Parigi

    In molte occasioni, Murillo ha ritratto bambini, e lo ha fatto con infanti di tutti i tipi: Santi nelle loro più tenere età, angioletti in allegorie religiose e bambini in scene costumbriste, come in questo caso.

    Si tratta di una delle opere non religiose più note dell'artista, dove gli elementi dello stile barocco sono particolarmente evidenti, specialmente per quanto riguarda il trattamento della luce, il chiaroscuro della composizione, dove il bambino appare illuminato in un ambiente nero o molto ombroso.


  • "I bambini della conchiglia"
    Autore: Bartolomé Esteban Murillo
    Anno: circa 1675
    Stile: Barocco
    Tipo: Quadro
    Tecnica: Olio
    Supporto: Tela
    Si trova in: Museo del Prado, Madrid

    I due bambini sono Giovanni Battista e Gesù, che dà da bere al primo in una conchiglia. Anche se la scena non è biblica è una situazione perfettamente plausibile, dato che entrambi erano cugini e vicini durante la loro infanzia.

    Questa è una delle opere più riconoscibili del pittore, combina gli elementi in cui l'artista era più esperto: la pittura di bambini e lo stile barocco. Per questo ha ottenuto una composizione bella ed equilibrata che è stata riprodotta innumerevoli volte su ogni tipo di supporto inclusi fogli, magliette e altri oggetti di moda e decorativi.


  • "San Girolamo leggendo"
    Autore: Bartolomé Esteban Murillo
    Anno: circa 1652
    Stile: Barocco
    Tipo: Quadro
    Tecnica: Olio
    Supporto: Tela
    Si trova in: Museo del Prado, Madrid

    L'opera mostra San Girolamo, che nel V secolo fu uno dei più grandi studiosi delle lingue ebraico, latino e greco al mondo. Tradusse una buona parte della bibbia in latino, su incarico di Papa Damaso I. Per questo, la forma tradizionale di rappresentare questo Santo è sempre scrivendo o leggendo, un'altra delle pitture più conosciute con questo motivo è San Girolamo scrivendo di Caravaggio.


  • "Il martirio di San Andrea"
    Autore: Bartolomé Esteban Murillo
    Anno: 1682
    Stile: Barocco
    Tipo: Quadro
    Tecnica: Olio
    Supporto: Tela
    Si trova in: Museo del Prado, Madrid

    Questa opera mostra la morte dell'apostolo Andrea, considerato uno dei padri della chiesa cattolica e ortodossa. Il martirio ebbe luogo nella città greca di Patras, dove fu ordinata la sua crocifissione (a forma di X), per ordine del delegato consolare romano Aegeates, che non solo fu testimone della predicazione di San Andrea e dei convertiti al cristianesimo che ne derivavano, ma la sua stessa moglie si dichiarò cristiana, fatto che non volle tollerare. Lo fece arrestare, frustare e crocifiggere.

    L'opera è stata realizzata nella fase artistica più avanzata di Murillo, infatti è stata completata nello stesso anno della sua morte, un periodo caratterizzato dal fatto che le figure si mostrano molto sfumate e sono più colorate, in questo si avvicinano ad alcune tecniche sviluppate nel rinascimento come lo sfumato, e ad altre che avrebbero impiegato secoli a svilupparsi, come i sfumature dell'impressionismo.


  • "Ragazzo con un cane"
    Autore: Bartolomé Esteban Murillo
    Anno: circa 1660
    Stile: Barocco
    Tipo: Quadro
    Tecnica: Olio
    Supporto: Tela
    Si trova in: Museo dell'Hermitage, San Pietroburgo, Russia

    La predilezione dell'artista per questi piccoli ha a che fare con il fatto che perse tra 3 e 5 figli per malattia e che in quel periodo povertà e malattia devastavano gran parte della società di Siviglia. Con la stessa tematica ritrasse bambini come questo, monelli e birichini, ne sono un esempio i titoli: "Giovane mendicante", "Bambini che mangiano uva e melone".


  • "Adorazione dei Re Magi"
    Autore: Bartolomé Esteban Murillo
    Titolo (inglese): Adoration of the Magi
    Anno: circa 1660
    Stile: Barocco
    Tipo: Quadro
    Tecnica: Olio
    Supporto: Tela
    Si trova in: Toledo Museum of Art, USA

    Questa opera si concentra sulla reazione dei magi di fronte al neonato, più che sulla descrizione classica e biblica del racconto. Mostrano gioia e devozione, rafforzando la solennità del momento in cui la Vergine Maria presenta con semplicità il bambino. Il momento in cui i Re Magi visitano il messia è stato ampiamente trattato da vari artisti del Rinascimento e del Barocco, una delle versioni più note è l'"Adorazione dei magi" di Velázquez.

    Sebbene il passo biblico sia breve, la tradizione orale cristiana ha arricchito l'evento con ogni sorta di dettagli, molti dei quali sono riflessi nell'opera. In alto a sinistra si può notare la stella di Betlemme, gli abiti dei magi rafforzano il carattere universale della religione: ognuno rappresenta un'età dell'uomo: giovinezza, maturità e vecchiaia; e una provenienza geografica diversa (dai 3 continenti noti fino a quel momento): Asia, Africa ed Europa.


  • "Ecce Homo"
    Autore: Bartolomé Esteban Murillo
    Anno: circa 1680
    Genere: Pittura religiosa
    Stile: Barocco
    Tipo: Quadro
    Tecnica: Olio
    Supporto: Tela
    Si trova in: Collezione privata

    Questa versione di Cristo con la corona di spine è considerata la migliore realizzata dall'artista, che ne ha realizzate diverse dello stesso titolo, le più notevoli si trovano al Prado (vedi) e al Museo di Cadice (vedi).

    Una delle abilità più acute di Murillo era la sua capacità di trasmettere emozioni e sentimenti nei volti che dipingeva, cosa che in questo ritratto è ampiamente realizzata.

    Attualmente questa versione di Ecce Homo non è visibile in nessun museo in quanto è stata acquisita da un collezionista privato nel 2017, che ha pagato quasi 3 milioni di sterline in un'asta di Sotheby's.


  • "Quattro figure su un gradino"
    Autore: Bartolomé Esteban Murillo
    Anno: circa 1660
    Genere: Costumbrismo
    Stile: Barocco
    Titolo (inglese): Four Figures on a Step
    Tipo: Quadro
    Tecnica: Olio
    Supporto: Tela
    Si trova in: Museo d'Arte Kimbell, Texas, USA

    Si tratta di una scena di genere, piuttosto atipica per l'epoca e per il pittore. Presenta 4 personaggi, tra i quali la giovane in piedi al centro della tela è la più prominente nella composizione. Il gesto del mezzo sorriso, la guancia contratta e l'occhio semi-chiuso, si ritiene che all'epoca e in questo contesto significasse che la ragazza era nubile e disponibile. Da ciò, si deduce chiaramente che la donna anziana è la protettrice dei tre bambini, e in particolare è incaricata di trovare un marito per la ragazza.

    Il bambino a sinistra e quello disteso confermano il carattere picaresco, uno per l'espressione del viso e l'altro per lo strappo nei suoi pantaloni.


  • "Bambini che mangiano uva e melone"
    Autore: Bartolomé Esteban Murillo
    Anno: circa 1650
    Stile: Barocco
    Titolo (tedesco): Trauben- und Melonenesser
    Tipo: Quadro
    Tecnica: Olio
    Supporto: Tela
    Si trova in: Pinacoteca Antica di Monaco, Germania

    Questa scena di genere è una delle più famose dell'artista, presenta caratteristiche tipiche del barocco.

    Mostra 2 monelli ben illuminati su sfondo scuro, in azione e movimento, sia gli sguardi che le linee principali della composizione sono diagonali, il dettaglio e realismo delle figure è molto elevato, tanto che solo l'uva a terra potrebbe essere un bodegón della più fine fattura. La luce entra da sopra a sinistra e crea un'ombra densa verso l'angolo opposto (chiaroscuro).


  • "Il ritorno del figlio prodigo"
    Autore: Bartolomé Esteban Murillo
    Anno: circa 1670
    Stile: Barocco
    Titolo (inglese): Il Ritorno del Figlio Prodigo
    Tipo: Quadro
    Tecnica: Olio
    Supporto: Tela
    Si trova in: Galleria Nazionale d'Arte, Washington, Stati Uniti

    Questa tela appartiene al periodo artistico più precoce del pittore, fu realizzata per decorare la Chiesa e ospedale della Carità di Siviglia (vedi su Wikipedia), una casa di ospizio creata per accogliere i più disperati. Il padre come figura di Dio, riceve il figlio che si era perso e ora ritorna, il cagnolino significa che la scena intende essere completamente terrena e non mitologica.

    Questo passaggio biblico è stato dipinto molte volte, si considera questa una delle migliori realizzazioni di tutto il periodo, in quanto espone in modo eccellente le espressioni facciali e corporee dei personaggi. La composizione in termini di colorazione, illuminazione e sfondo ricorda le opere di Tiziano.

    Un'altra delle famose pitture della stessa tematica è questa ben nota versione, realizzata da Rembrandt, che presenta uno stile barocco marcato della scuola fiamminga.


  • "La Resurrezione del Signore"
    Autore: Bartolomé Esteban Murillo
    Anno: circa 1660
    Genere: Pittura religiosa
    Stile: Barocco
    Tipo: Quadro
    Tecnica: Olio
    Supporto: Tela
    Si trova in: Real Academia de Bellas Artes de San Fernando, Madrid

    Mostra il momento in cui Gesù risorge e esce dal sepolcro mentre le guardie incaricate di sorvegliare l'entrata si sono addormentate. Nella sua mano la bandiera della salvezza, che simboleggia il trionfo sulla morte e il suo invito alla conversione sia per gli ebrei che per i non ebrei.

    Questa capolavoro mostra un chiaroscuro in cui la luce è diretta dal fondo del quadro verso lo spettatore, brillando con massimo splendore proprio sulla testa di Gesù, che porta appese le lenzuola mortuarie, estende la mano e alza lo sguardo rivolgendosi al padre. Nella parte bassa, in penombra, tre soldati romani dormono sul suolo.


  • "Donne alla finestra"
    Autore: Bartolomé Esteban Murillo
    Anno: circa 1660
    Stile: Barocco
    Titolo (inglese): Two Women at a Window
    Tipo: Quadro
    Tecnica: Olio
    Supporto: Tela
    Si trova in: Galleria Nazionale d'Arte, Washington, Stati Uniti

    Murillo era esperto nel conferire alle sue opere un'aura di fascino, nostalgia e picardia, di cui questa opera è un grande esempio. Presenta due giovani donne che guardano dalla finestra, al centro e completamente illuminata una di loro guarda lo spettatore esprimendo un sorriso enigmatico e tranquillo. Dietro di lei, in penombra, l'altra giovane copre con un fazzoletto la sua risata ansiosa. I vestiti di entrambe, tipici spagnoli dell'epoca, indicano uno status di classe media alta.

    Le dimensioni dei personaggi sono in scala 1:1, fatto appositamente con l'intenzione che il dipinto abbia più impatto poiché assomiglia più a una vera finestra con le ragazze che guardano fuori, questo stesso mezzo pittorico è comune trovarlo nella scuola fiamminga del XVII secolo, ad esempio in: Jan van Eyck, Rembrandt o Rubens.


  • "Santo Tommaso di Villanova bambino che distribuisce i suoi vestiti"
    Autore: Bartolomé Esteban Murillo
    Anno: circa 1667
    Stile: Barocco
    Titolo (inglese): San Tommaso di Villanova che divide i suoi vestiti tra i ragazzi mendicanti
    Tipo: Quadro
    Tecnica: Olio
    Supporto: Tela
    Si trova in: Cincinnati Art Museum, Ohio, Stati Uniti.

    Santo Tommaso di Villanova (1486-1555) era un frate agostiniano spagnolo, canonizzato nel 1658, noto per la sua sensibilità verso i poveri. Qui è rappresentato in giovane età mentre distribuisce ai bambini poveri i vestiti che indossa.

    In quest'opera si inizia ad apprezzare la crescente tendenza dell'artista ad utilizzare lo "stile vaporoso", che consiste nel sfumare i contorni delle figure, presentandole con una leggera apparenza di trasparenza, ma senza perdere in realismo.


  • "La Vergine del Rosario"
    Autore: Bartolomé Esteban Murillo
    Anno: circa 1655
    Stile: Barocco
    Tipo: Quadro
    Tecnica: Olio
    Supporto: Tela
    Si trova in: Museo del Prado, Madrid

    Questa opera riflette la devozione religiosa dello stesso artista. Murillo era cattolico e apparteneva alla Confraternita del Rosario, che praticava con particolare fervore la preghiera del santo rosario. Per questo si può vedere il bambino che tiene uno in mano destra. La posa di entrambi è estremamente dolce e delicata, il che, unito alla bellezza dei volti e alla serenità allegra delle espressioni, risulta un'opera sublime, come poche se ne conoscono.

    La composizione mostra caratteristiche del Tenebrismo, per i suoi forti contrasti di luce, uno stile molto utilizzato soprattutto nella prima fase artistica del pittore.


  • "La visione di San Francesco da Paola"
    Autore: Bartolomé Esteban Murillo
    Anno: circa 1670
    Stile: Barocco
    Titolo (inglese): La Visione di San Francesco di Paola
    Tipo: Quadro
    Tecnica: Olio
    Supporto: Tela
    Si trova in: Museo J. Paul Getty, California

    San Francesco di Paola fu un frate e più tardi eremita italiano del XV secolo, noto per la sua vita estremamente austera. Qui è rappresentato in un paesaggio di desolazione e penombra, alzando lo sguardo al cielo, da dove proviene una luce e si legge "Caritas", che significa "Amore". La sfera di luce è circondata da un grazioso gruppo di 5 angioletti.


  • "San Pietro in Lacrime"
    Autore: Bartolomé Esteban Murillo
    Anno: circa 1655
    Stile: Barocco
    Tipo: Quadro
    Tecnica: Olio
    Supporto: Tela
    Si trova in: Museo di Belle Arti di Bilbao, Spagna

    Questa drammatica immagine dell'apostolo Pietro corrisponde al racconto biblico del pianto che suscita per aver tradito il suo maestro negandolo tre volte. Allo stesso tempo, ha le mani intrecciate come se pregasse per il perdono. L'olio presenta gli elementi classici del chiaroscuro barocco, uno sfondo oscuro e una luce che scende diagonalmente, contornando le figure e in particolare il volto del personaggio

    Fin dai primi anni, la paternità dell'opera è stata discussa, arrivando ad affermare che fosse stata realizzata da José de Ribera, sebbene la questione sia stata presto chiarita, resta evidente la forte influenza che questo ha avuto in questa e altre opere dell'autore.

Vuoi una riproduzione di questo pittore a casa tua?
Richiedila nella sezione quadri di Murillo a olio

Pittori famosi correlati:


↑Torna in cima